Sulle colonne che reggono il cielo

Antonio ha tre anni e ha domandato a sua madre come mai gli alberi hanno una gamba sola. Ho suggerito una risposta: perché tra gli esseri viventi sono quelli che meglio tengono in equilibrio sé stessi, il mondo che li ospita e noi umani che li usiamo e ne abusiamo. Per queste grandi virtù sono stati dotati di profonde radici e di chiome ramificate, che per peso ed estensione si bilanciano, ma di un solo tronco.

Un detto degli indiani d’America vuole che “gli alberi sono le colonne che reggono il cielo”.

 

Internet è così: cerchi una parola chiave perché stai facendo una ricerca e trovi altro, che comunque ti tornerà utile in un modo o in un altro. La rete, in questo senso, mi fa pensare al nostro cervello che lavora per associazione di idee e relazione tra parole, le archivia e poi le tira fuori quando serve.

Stavo facendo una ricerca sulla traduzione della letteratura per l’infanzia e mi sono imbattuta in Liberweb, il portale che accompagna l’uscita della rivista LiBeR dedicata al mondo dell’editoria per ragazzi e bambini, ricco di informazioni e strumenti utili per chi lavora nel settore.

Ecco come ho trovato l’ interessante articolo Abbracciare gli alberi del prof. Giuseppe Barbera, autore, tra l’altro, di uno dei libri divulgativi sulla materia che ho letto con molto gusto: Tuttifrutti. Viaggio tra gli alberi da frutto mediterranei, fra scienza e letteratura (Oscar Mondadori, 2007).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...